Riccione city hotel camay sul mare
Riccione city

Le origini di viale Ceccarini risalgono alla fine del XIX secolo. E’ stato realizzato un gruppetto villini. Specialmente lungo quello che all’epoca era conosciuto con il nome dialettale di Viola (sentiero angusto stretto e polveroso). In seguito aprirono anche negozi, ristoranti ed alberghi, primo fra tutti l’Hotel Amati, aperto nel 1901.

Nel 1912 il viale fù intitolato alla memoria della benefattrice italo-americana Maria Boorman Wheeler (1840-1903), moglie del medico Giovanni Ceccarini.[

Nel 1926 inaugurato il Teatro Dante, all’incrocio dell’ omonimo viale, che diventa uno dei viali e luogo-simbolo del divertimento di riccione. Fino alla sua demolizione del 1950.[

Il 27 giugno 1927, completata la tranvia Rimini-Riccione, che aveva capolinea in viale Ceccarini. Negli anni successivi aperirono molte attività commerciali e turistiche, oltre a locali per il divertimento.

Nel 1939, nel tratto di strada a monte della ferrovia, inaugurato il Teatro degli Ottomila gli hanno dedicato spettacoli lirici.

Negli anni 1950, durante l’epoca della dolce vita, la strada divenne famosa quale viale alla moda.

Negli anni 1970, la porzione di strada dalla stazione al mare diventa pedonalizzata.

Nel centenario del 2012 è stata inaugurata una statua di bronzo dedicata a Maria Boorman Ceccarini. Creata dallo scultore cesenate Leonardo Lucchi su commissione dell’associazione Famija Arciunesa.

Hotel Riccione